venerdì, aprile 13, 2007

C'era una volta

Aspettative. Desideri. Annulliamoli tutti. Via ogni attesa. Via tutto. Tabula rasa. La vita non è un continuare aggiungere. La vita è togliere, limare, eliminare, sradicare. Da piccolo ti insegnano le favole. Da grande di obbligano a convincerti che non esistono. I più reticenti fanno finta di nulla e collezionano nani. Prima uno, poi due, poi cinque, e mammano si rendono conto che gli altri forse hanno ragione, continuano a comprarne come forsennati. Alla fine si perdono tra cento sguardi, che massimo arrivano alle caviglie e dimenticano le favole. Ma non si convincono della loro inesistenza. Le dimenticano. Le abbandonano. Le lasciano lì, da qualche parte. E per questo sono fottuti. Ok. Bene. La fregatura sta qui: aspettarsi e desiderare. Aspettasi che qualcosa succeda, che qualcuno capisca, che di colpo il vento cambi direzione e ti strappi via tutta la malinconia che hai accumulato. Aspettare che il telefono suoni, che arrivi una mail, che il tuoi occhi di colpo tornino brillanti come due smeraldi sulle orecchie di Liz Taylor. La fregatura sta tutta qui: aspettarsi e desiderare. Desiderare, che suona meno arrogante di aspettarsi, che il telefono suoni, che arrivi una mail, che qualcuno capisca, che di colpo il vento cambi direzione e ti strappi via tutta la malinconia che hai accumulato.
"C'era una volta". No. "C'è adesso". Le favole sono tutte al passato. Ma chissenefotte di quello che c'era una volta. Io non voglio più sapere cosa c'era una volta. Io voglio sapere cosa c'è adesso. Ora. In questo momento. Anche se sono qui. Sotto terra. Nano nano

8 commenti:

vanity ha detto...

cucù

liquido ha detto...

cosa c'è adesso?
ci voleva questo post, in questo momento.
grazie
ciao

paciugo ha detto...

lo so che tu ti aspetteresti i due smeraldi sulle orecchie, dì la verità!
un bacino

iltequila ha detto...

E tra poco? Perché un po' di tempo ci vuole sempre.

Anonimo ha detto...

ma cosa vuol dire?!

ma cosa mi rappresenta?!

ora desidero solo desiderare.

bacio

fidanzato platonico

Anonimo ha detto...

Adesso.....si sei tu.....le tue potenzialità....le tue debolezze che non ti abbandonano neanche sotto terra......i tuoi ragionamenti che talvolta appaiono miseri al confronto con l'immensità di ciò che ci circonda......
Adesso ci sono io.....che imparo ogni giorno che passa a convivere con me stessa, che non è facile....
Baci e abbracci:)))

darksylvia

vit ha detto...

maledetta malinconia...
ma ce lo abbiamo il coraggio di vedere cosa c'è adesso?
vit

S. ha detto...

'Me ne stavo qui con gli occhiali al soffitto
a innamorarmi dei colori delle cose
ma desiderare non basta
da così lontano non basta.

Ora ho un contratto con gli angeli
e ti ritrovo di sicuro vita
in qualche mese d'agosto accecante
o in un tempo meno illuso
che vuoi tu.

Perché la vita non va così
è la disciplina della Terra.'
(Ivano Fossati)

S.

P.S.: 'mammano' ? :-O
P.S.2: Se desideri altri giubbetti di pelle SPLENDIDI, firmati da Ennio e a ottimo prezzo, beh, sai che per quelli ci posso fare qualcosa. :-)