martedì, dicembre 13, 2005

Saturday's suspect

Plastic, sabato sera. Lei è lì che saluta i suoi fans. Il suo Mare d'inverno agita gli animi. In testa avrà mezzo chilo buono di exstension. Di cui vado pazzo. Ma magari no. I capelli sono tutti suoi. Ma in fondo chissenefrega. Plastic, sabato sera. Lei se ne sta andando avvolta in un piumino rosso lungo fino ai piedi. La vedo di spalle mentre faccio la coda per entrare nel privé, che altro non è che il vero Plastic. Ballo, mi agito, mi slaccio la camicia fino al petto e mi avvolgo il maglione intorno al collo. Bevo un gin tonic. Finisce. Ne bevo un altro. Riballo. Palstic, sabato sera. Mi piace stare lì. Arriva. Moro, occhi neri, pizzetto nero, basette nere. Lo guardo. Mi sorride. Ricambio. Ci perdiamo dopo mezz'ora mi riappare davanti. E' distante ma è lì. La luce gli illumina il viso e vedo meglio i suoi occhi. Sono nerissimi. Alle 5 è a casa mia. Alle 16 della domenica lo riaccompagno dai suoi amici. Non abita a Milano. Non abita in Italia. Non è italiano. Non sta vivendo nel suo paese. E' di passaggio. Sotto il portone ci salutiamo. Gli lascio il mio cellulare ma so che non mi chiamerà mai. Più o meno me lo fa anche intuire.
E mi viene in mente una cosa che avevo scritto in Grecia tempo fa:

"Ingollo tutto di un fiato
questo mio senso di solitudine.
E faccio finta di digerirlo
come si fa con un cotecchino
ispessito dalla tripla cottura.
Insaziabile succhio la carcassa
della mia ultima malandata avventura,
pronto a sostituirla
con chi scende dal prossimo tram:
tu al lato, ora tocca a te,
mettiti lì buono, insieme con gli altri silenzi d'amore.
Io devo continuare a succhiare,
la mia cannuccia è infinita".
(Creta, settembre 2002)

...con il sospetto però di essere io la carcassa. Puttana eva.
Nano nano


9 commenti:

Not4me ha detto...

a volte mi domando che resterà di tutti gli incontri flash che al momento sembrano vera luce.
Eppure a qualcosa pur servirammo.
Come tutti gli scacciapensieri...

Era un talebano?

Anonimo ha detto...

Cazzo, quanto amore che si emana in queste circostanze.
Del resto, trovare l'uomo della propria vita è facilissimo. Io l'ho fatto miliardo di volte! ;-).
Marmoezucchero (M&Z)

paciugo ha detto...

scusa se non c'entra niente, ma...

...era un ragazzo dai capelli d'oro
e gli volevo un bene da morire
io lo pensavo tutto il giorno interno
senza tradirlo neppure col pensiero
ma un pomeriggio dalla mia finestra
lo vidi insieme ad un ragazzo biondo
chissà chi era, forse un vagabondo
ma da quel giorno non l'ho visto proprio più
luca luca luca
cosa ti è successo?
luca luca luca
con chi sei adesso?
luca luca luca
non si saprà mai...

penso che questa sia la canzone che mi chiedevi, se ti interessa il testo completo, lo tiro giù tutto... è bellizzzzzima!!!

sono onoratissimo di essere stato linkato, ricambio!

Anonimo ha detto...

Questo blog fa cagare. E io stasera esco con una passaparolina.

penaepanico ha detto...

not4me.... più che talebano mi sembrava Gitano....olé.
m&Z....e in un giorno solo...
paciugo E' proprio questa. Pazzo di Raffa.
anonimo la passaparolina ti usa perché ti crede il Gabibbo.....

avreivoluto ha detto...

Io mi sento carcassa con cannuccia... per non farsi mancare niente.
Buona giornata

Anonimo ha detto...

ti lamenti perchè non scrivo più...mi sembra che ultimamente sto blog sia diventato un affaire per solo uomini.....ti lamenti perchè non ti cago...non è che un po' arraggiato come direbbe un mio amico siculooooo. anzi, ARRAGGIATISSIMO

S. ha detto...

Anche io mi pongo spesso l'interrogativo di Not4Me. E' che siamo animaletti a cui piace giocare a conquistare e essere conquistati, comunque. E non è un accontentarsi, ma un godere e un nutrirsi di una caramella anche se si ha una fame da lupi. Poi a volte il flash illumina foto da cui continuiamo a essere ritratti volentieri. Io ora ricordo un'istantanea che dura ancora oggi, con una camicia rossa di lino che, mentre balliamo, mi urta appena e con una mano mi accarezza la guancia come per scusarsi.

"...io che cerco di copiare l'amore
ma mi confondo
e mi confondono più i suoi seni
puntati dritti sul mio cuore
o saranno le mie mani
che sanno così poco dell'amore.
Ma tutto questo è già più di tanto..."
(Ivano Fossati, da "Una notte in Italia")

S.

penaepanico ha detto...

avreivolutoDici che è il prossimo passo? Abbattetemi prima, vi prego. Cannuccia e carcassa in contemporanea....
M(ossial'anonima) Me sa che quei 30 euro li abbiamo investiti bene...vai avanti così....
S.Ci sei riuscito anche questa volta farmi sorridere e commuovere nello stesso tempo. Vorrei tanto che quell'istantanea non si consumasse mai. Perché forse è davvero il vero a. quello che c'è dentro.